VENDEMMIA MOSCATO D’ASTI

VENDEMMIA MOSCATO ASTI
VENDEMMIA MOSCATO ASTI

Oltre 3800 produttori al lavoro nelle vigne delle province di Asti, Alessandria e Cuneo

Presidente Satragno: “Prevista vendemmia buona e di qualità. Quantitativi non esagerati, ma in grado di soddisfare pienamente la denominazione

 La vendemmia del Moscato d’Asti 2016, che coinvolge ogni anno oltre 3.800 produttori nelle province di Asti, Alessandria e Cuneo, si prospetta “buona, con uva sana e di qualità, quantitativi non esagerati, ma in grado di soddisfare pienamente la denominazione”. A dirlo il presidente dell’Associazione Produttori Moscato d’Asti, Giovanni Satragno.

“L’annata siccitosa – precisa Satragno – ha influito sulle quantità delle uve. Sarà una vendemmia, in generale, leggermente più contenuta, ma dalle caratteristiche ottimali”.

Dei 9.700 ettari di vigneti piemontesi a bacca Moscato, circa 3.200 ettari sono atti a produrre Moscato d’Asti docg (circa 30 milioni di bottiglie). I restanti 6.500 ettari produrranno 50 milioni di bottiglie di Asti Spumante docg. “Queste cifre – spiega Satragno – sono l’equivalente della proiezione di consumo 2016. Le scorte, pertanto, resteranno invariate. Si attesteranno sui 460mila ettolitri (riferite al 31 agosto) che equivalgono a circa 62 milioni di bottiglie, che significano quasi un anno di produzione”.

La raccolte delle uve, che produrranno Moscato d’Asti docg e Asti spumante docg, è partita una settimana fa. “E’ stata precoce nell’Alessandrino, nelle zone di Alice Bel Colle e Cassine” spiega Satragno. Nella Valle Bormida, invece, si trovano i vigneti che saranno vendemmiati per ultimi. In totale, la raccolta delle uve Moscato dura circa tre settimane.

ASTI, 12 settembre 2016

Precedente PIANO DI FILIERA VENDEMMIA 2016 Successivo LA PRODUTTORI MOSCATO ALLA FIERA DEL TARTUFO DI ALBA

Lascia un commento